Drink Pink: come svelare il fascino delle sfumature di colore dei vini rosati con la tecnica infallibile delle immagini associate

Pubblicato il

SESSIONE DI ALLENAMENTO 6: abbina ad ogni colore di vino rosato la giusta immagine

Forse ti sarà capitato di chiederti come vengono realizzati i vini rosati.

I rosati derivano dalla vinificazione di uve rosse dove il contatto del mosto con le bucce, dove sono contenute le principali sostanze responsabili delle caratteristiche organolettiche del vino, tra cui gli antociani, responsabili del colore, è molto più breve rispetto a quella utilizzata per i vini rossi. Diciamo che se per i rossi la sosta sulle bucce è di alcuni giorni, per i rosati è solo di alcune ore.

I rosati si caratterizzano da subito per la luminosità e il fascino delle loro tonalità cromatiche. Per semplicità, classifichiamo in tre categorie i colori dei vini rosati, ma sono moltissime le sfumature intermedie che possiamo incontrare.

Per memorizzare subito le tre tonalità di riferimento per i vini rosati, come abbiamo fatto già per i vini bianchi, possiamo associare ciascun colore ad una precisa immagine in modo da memorizzarlo una volta per tutte.

  1. ROSA TENUE: è una tonalità leggera e delicata che possiamo associare all’immagine romantica e primaverile dei fiori di pesco. Immagina di passeggiare tra gli alberi di pesco in fiore e vedi i petali che cadono su di te mossi dal vento.

    Rosa tenue
    Rosa tenue
    Fiori di pesco
    Fiori di pesco
  2. ROSA CERASUOLO: è un rosa più vivo e carico rispetto al precedente. Per ricordarlo, associalo al colore delle amarene fresche e succose.

    Rosa cerasuolo
    Rosa cerasuolo
    Amarene
    Amerene
  3. ROSA CHIARETTO: è la tonalità di rosa più scura e potente, si avvicina già a quella di un rosso. La puoi associare al colore invitante e brillante di una ciliegia.

    Rosa chiaretto
    Rosa chiaretto
    Ciliegia
    Ciliegia

Ti svelo un importante segreto: c’è spesso una corrispondenza tra colori e profumi del vino. Quindi nel vino rosa tenue sarà possibile individuare profumi di fiori bianchi o di fiori rosa e nel vino rosa cerasuolo sarà spesso possibile individuare il profumo di frutti rossi.

È molto importante sottolineare che i colori del vino non sono entità statiche e cristallizzate perché il vino è una creatura viva che si evolve nel tempo e come tale è un elemento in continua trasformazione, pertanto anche i colori, i profumi e i sapori di un vino si evolveranno nel corso della sua vita. Occorre però sottolineare che l’evoluzione del colore dei vini rosati costituisce un’eccezione rispetto a quella dei vini bianchi e dei vini rossi. Infatti, nel caso dei bianchi lo stesso vino passa da una tonalità giallo verdolino in gioventù a una tonalità giallo paglierino o dorato nella sua fase di maturità. Nel caso dei rosati, la tonalità di colore non dipende tanto dall’età del vino ma dal tipo di vitigno utilizzato e soprattutto dalla durata del contatto, in fase di vinificazione, tra il mosto e le bucce che, come abbiamo detto, contengono gli antociani, sostanze responsabili del colore del vino. Quindi un vino rosato sarà tenue, cerasuolo o chiaretto a seconda delle caratteristiche del vitigno e della durata del contatto con le bucce.

Tendenzialmente i vini rosati si bevono in gioventù, quindi non capita spesso di assistere all’evoluzione delle loro tonalità cromatiche. È importante però sottolineare che il vino non passerà da un rosa tenue a un rosa cerasuolo o chiaretto con il trascorrere del tempo, ma virerà semplicemente verso delle note più brune. Fai attenzione se riscontri un colore eccessivamente scuro e tendente al marrone. Infatti, nel caso dei vini rosati, questa tonalità può essere indice di un principio di ossidazione, ossia del fatto che il vino è in fase di decadimento.

Anche in questo caso allenati per tutta la settimana a visualizzare le tre immagini proposte, associandole alle tre tonalità di vino rosato. Magari questa settimana, anche se non lo fai abitualmente, scegli di bere almeno una volta un vino rosato e ricordati di annotare la relativa tonalità di rosa sul tuo diario di bordo.

Per molti anni i vini rosati sono stati trascurati e guardati con sospetto dai consumatori, anche a causa della scarsa qualità di alcuni prodotti. Negli ultimi anni il trend si è invertito e si trovano degli ottimi vini rosati. Può essere la perfetta occasione per unire l’utile al dilettevole, assaggiando un rosato con la scusa di fare l’esercizio della settimana.

Alla prossima sessione di allenamento.

Miriam Bruera
La tua Wine Coach

protected @ patamu.com Opera tutelata dal plagio su Patamu con numero deposito 42945

SCRIVI QUI I TUOI COMMENTI